Digital Marketing

Italian food ecommerce

Arriva Spaccio Italia, l’e-commerce di eccellenze gastronomiche italiane

,

Sono lieto di annunciare l’avvio delle attività su SpaccioItalia.com, una piattaforma e-commerce che offre un’accurata selezione di prodotti gastronomici italiani in vendita in oltre 50 Paesi.

Abbiamo scelto piccole e medie aziende artigianali locali che nelle loro produzioni, tutte Made in Italy, non tralasciano l’attenzione per gli aspetti salutari e nutrizionali, oltre a un mix di tradizione, innovazione e gusto.

Minimizzando le intermediazioni, possiamo praticare ottimi prezzi al pubblico, anche a un contributo ai costi di trasporto. Grazie a un eccellente servizio logistico, inoltre, possiamo far giungere i prodotti a destinazione nel più breve tempo possibile.

Scopri i sorprendenti prodotti di Spaccio Italia e con essi i sapori dell’autentica cucina italiana.

Ferruccio Lamborghini

Il marketing secondo Ferruccio Lamborghini. L’importanza del customer service (video intervista)

L’importanza di un servizio clienti, fondamentale per un’azienda di successo. Qualcosa che putroppo numerose aziende non apprendono mai.

Video estratto da un’intervista a Ferruccio Elio Arturo Lamborghini (1916–1993), l’imprenditore italiano, fondatore della casa automobilistica Lamborghini.


Figlio di agricoltori, lascia le scuole elementari e la sua passione per i motori e per le macchine lo porta a Bologna, dove lavora in un’azienda che revisiona automezzi dell’esercito.

Durante la seconda guerra mondiale, trova l’opportunità di sperimentare le sue doti meccaniche come tecnico riparatore presso il 50° autoreparto misto (base militare di Rodi nell’isola omonima nel Dodecaneso italiano).

Nel 1946, la crescente domanda di trattori del mercato italiano, unita all’esperienza acquisita nelle riparazioni, spingono Ferruccio ad intraprendere la carriera di imprenditore nella produzione di trattori. Compra veicoli militari avanzati dalla guerra e li trasforma in macchine agricole.

Nel 1948, a Cento (Ferrara), fonda la Lamborghini Trattori (l’origine del logo aziendale è legata alla data di nascita di Ferruccio Lamborghini: nel calendario zodiacale infatti il 28 aprile cade sotto il segno del Toro, inoltre egli amava la corrida).

Solo tre anni dopo la guerra, l’azienda Lamborghini era capace di progettare e costruire da sola i suoi trattori e già nel corso degli anni cinquanta e sessanta la Lamborghini Trattori diventa una delle più importanti aziende costruttrici di macchine agricole in Italia.

Seguì la produzione di bruciatori a nafta e di condizionatori, stupendo per la velocità con la quale tali prodotti riuscivano a imporsi sui mercati, in ragione delle loro alte qualità tecniche a fronte di un prezzo molto competitivo. La strategia di Lamborghini per ottenere rapidi risultati consisteva nell’individuare le aziende e i prodotti leader per poi avviare una “campagna di reclutamento” dei tecnici più significativi, offrendo loro stipendi molto più sostanziosi di quelli percepiti nelle aziende di appartenenza.

Il successo personale di Lamborghini gli permise di acquistare molte automobili di lusso, arrivando al punto, da sua stessa ammissione, di poterne guidare una diversa per ogni giorno della settimana.

Nel 1958 acquistò a Maranello una Ferrari 250 GT; negli anni successivi possedette diverse automobili del cavallino, non risparmiando le critiche: Lamborghini diceva che le Ferrari erano buone automobili, ma le considerava “rumorose” e ne lamentava gli interni essenziali.

L’idea di produrre macchine sportive gli venne dopo una discussione con Enzo Ferrari.

Ferruccio si divertiva a sgommare. Possedeva due Ferrari identiche e più di una volta ha rotto la frizione. Dopo aver sborsato fior di quattrini per ripararle a Maranello, un giorno – dopo l’ennesimo guasto – ne portò una nella sua officina e un meccanico, anche lui di Casumaro, la smontò. La frizione che si rompeva era identica a quella che montava sui suoi trattori». Da quel momento le lamentele di Ferruccio Lamborghini con il “Drake” Enzo Ferrari divennero molto più accese: «Spendo una fortuna per un’auto fatta con i miei pezzi!». Pare che la risposta di Enzo Ferrari sia stata: «La macchina va benissimo. Il problema è che tu sei capace a guidare i trattori e non le Ferrari».

Questa, secondo la nota leggenda, peraltro confermata dallo stesso Ferruccio, fu la molla che fece scattare la sua decisione di fondare il settore automobili della Lamborghini, allo scopo di costruire una vettura sportiva secondo i suoi canoni. Lamborghini sosteneva che una vettura Gran Turismo dovesse offrire alte prestazioni senza sacrificare le doti stradali e la qualità degli interni.

Fonte: Wikipedia Italia

Opportinità online: Pronto Fabbro

 

Quante volte abbiamo bisogno di un fabbro e non sappiamo a chi rivolgerci? Disponibilità, fiducia, competenza. Per Pronto intervento serrature rivolgiti a Pronto Fabbro.

L’azienda garantisce un intervento immediato in caso di emergenza, economico e professionale, a qualsiasi ora, diurno e notturno.

Specializzati in apertura e sostituzione di Serrature di tutte le marche, Porte Blindate, Porte e Cancelli

Remove news sources with paywall

Come nascondere fonti con paywall da Google News

,

Il paywall (letteralmente muro costituito dal pagamento) è uno strumento che limita l’accesso agli utenti che hanno pagato per iscriversi a un sito web.

Negli ultimi anni è cresciuto tra alcune fonti di notizie nonostante un massiccio uso di pubblicità e una raccolta di cookies che possono già coprire i costi.

An annoying news paywall

Un fastidioso paywall, in questo caso del Corriere della Sera, probabilmente il più noto dei quotidiani italiani.

 

Gli utenti della rete sono liberi di pagare per informazioni di buona qualità, ma dovrebbero anche essere in grado di scegliere fonti di informazione gratuite, che non per questo sono necessariamente meno attendibili o dettagliate di quelle a pagamento.

Inoltre, non è possibile pagare per tutte le fonti a pagamento e fare una scansione della qualità delle loro notizie – questione di tempo e costi. Va anche ribadito come numerose fonti di informazione, anche con paywall, non facciano giornalismo imparziale ma siano piuttosto di parte. I loro articoli sono prevalentemente propaganda politica e da marchette (i cosiddetti advertorials, ossia product placement e performance marketing mascherato da recensioni o comparazioni di prodotti). Perché pagare per leggere della pubblicità mascherata da giornalismo, oltre a quella ufficiale già presente?

Se desideri filtrare solo le fonti gratuite sul tuo Google News, l’aggregatore di notizie più popolare al mondo, esiste un modo semplice come mostrato negli screenshots in basso:

Remove news sources with paywall

Select “Other”

Remove news sources with paywall

Nascondi notizie da una fonte particolare

 

Allo stesso modo, nella personalizzazione offerta dalla piattaforma di notizie di Google, è opportuno anche escludere fonti di scarsa qualità che non creano informazione ma riproducono, riscrivendo malamente, quanto già esistente solo per generare volumi di traffico a loro vantaggio. In tal modo si può avere una selezione di fonti gratuite, attendibili e autorevoli che meritano di essere visualizzate.