La lezione di Bernard Stiegler, critico della tecnologia contemporanea

Bernard Stiegler Filosofo Francese Tecnologia Web

Il 6 agosto 2020 è scomparso il filosofo francese Bernard Stiegler, uno dei più grandi pensatori contemporanei, secondo cui il mondo è diventato sporco perché ci sono molti conflitti e un generale deterioramento dello stato morale. Il suo lavoro teorico ha esplorato i temi della tecnologia e di come questa influenzi da sempre l’umanità e il lavoro. Tra le sue opere più note c’è il ciclo La technique et le temps, e in particolare il primo volume La faute d’Épiméthée.

“Ciò che ci fa impazzire è la mancanza di capacità di generare prospettive di sostenibilità a lungo termine. I giovani non sognano più di mettere su famiglia, sanno che non avranno più un lavoro, che sono una delle ultime generazioni prima della fine. Questo è un punto di vista ampiamente condiviso, che può essere pericoloso, portare alla droga, al suicidio o forse anche entrare a far parte di un movimento come Daesh “.

Secondo Stiegler siamo in un’era senza epoca.

“Un gruppo umano vive in un’epoca comune perché condivide un passato comune e desideri comuni, con un orizzonte comune di aspettativa. Oggi non c’è orizzonte in attesa, perché la tecnologia distruttiva che si è sviluppata, soprattutto a partire dal 1993, con il web fa sì che oggi quasi 4 miliardi di esseri umani abbiano lo smartphone, anche in Africa, in India. . Questa tecnologia ha creato un processo chiamato dirompente “.

La perturbazione è un approccio che consiste nel superare avversari e poteri pubblici, sviluppando innovazioni dirompenti estremamente violente, come Uber, AirBNB, ecc. Questo processo di accelerazione supera gli organi deliberativi che arrivano sempre troppo tardi per regolamentare.

“Questo produce quello che io chiamo il Far West tecnologico: è il primo che spara a vincere. Il risultato è anche la disperazione di questi giovani che pensano che non ci sia più un futuro per loro. Questo è quello che pensano anche molte persone, compresi gli elettori di Donald Trump. Che quindi votano Trump che racconta loro una storia secondo cui “ce la caveremo”.

Bernard Stiegler incoraggia l’Europa a rilanciare una vera politica industriale, una vera politica di ricerca, con ingenti investimenti pubblici. Dobbiamo restituire al World Wide Web il significato che aveva all’inizio, nel 1993, cioè creare la possibilità per tutti di comunicare, fare rete, valorizzando le singolarità. Tra il 2007 e il 2010 c’è una doppia svolta, prima con lo smartphone, poi con Facebook.

“È standardizzazione attraverso i big data: interagisci su una piattaforma che ha tutta una serie di informazioni su di te e che lavora per fare correlazioni, su scala globale, in tempo reale, su 4 miliardi di persone che interagire contemporaneamente su smartphone e questo produce pupazzi digitali: sei guidato dalla piattaforma, sei coinvolto in una logica di marketing che ti farà fare cose che non volevi fare. Su Facebook è assolutamente catastrofico. C’è un malessere in questo modello, e ci rendiamo conto che forse non è così interessante dal punto di vista economico ma che inoltre crea molto distorsioni sociali “.

Questo è ciò che distrugge la società, fatta di sistemi sociali: famiglia, istruzione, religione, diritto, economia, processi condivisi dalle comunità. Tutti questi modi di vita comuni vengono distrutti da questi dispositivi. Una politica industriale europea consisterebbe nel reinventare tutto questo. L’Europa ha tutti i mezzi per farlo, ma il problema è che non ne ha idea, perché ha smesso di pensare, ha smesso di pensare.

“Le epoche sono caratterizzate da grandi pensieri. Oggi, l’assenza di un’epoca è assenza di pensiero. È molto possibile ricominciare a pensare, a lavorare, ma è molto, molto urgente. “, avverte Bernard Stiegler. Una depressione globale Rispetto allo stato del pianeta.

“La gente sa che non può andare avanti così, che se non cambiamo nulla, il pianeta è rovinato. Ci sono molte cose da fare ma siamo guidati da idioti, che sono depressi e la depressione può portare alla follia. (…) Gli accademici non fanno il loro lavoro, si chiudono in torri d’avorio e non si fanno carico dei problemi . Come mai non mobilita nessuno? Siamo in un sistema di codardia organizzata. Quindi dobbiamo mobilitarci. (…) Siamo tutti esposti a questa follia ordinaria. Alcuni negano e dicono che stanno andando molto bene, ma sono idioti, perché tutti abbiamo alti e bassi, siamo fallibili. Negano perché hanno bisogno di convincersene per poter dormire “.

Oggi dobbiamo rilanciare una società da sogno. L’uomo deve sognare di notte ma anche sognare ad occhi aperti, perché è dai sogni che nasce sempre la possibilità di produrre qualcosa di nuovo.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.